Home > Tecnologia > Combustibili e biomasse

Combustibili e biomasse

Biomassa vergine
Biomassa vergine
Biomassa vergine

L’attività tradizionale di ITI è lo sviluppo e realizzazione di impianti energetici che utilizzano biomasse legnose come fonte diretta di energia. Queste hanno il pregio, distinguendosi dai combustibili fossili, di non impattare a livello ambientale con un aumento dell’anidride carbonica complessiva, in quanto la CO2 emessa durante la combustione è la stessa che la pianta ha assorbito durante il suo ciclo vitale e che restituirebbe all’atmosfera durante i normali processi degenerativi. La combustione non fa quindi altro che anticipare questo ciclo, rendendo l’anidride carbonica nuovamente disponibile per le piante.

I combustibili più comuni nelle nostre centrali sono ad esempio:

  • scarti dell’Industria Forestale e del Legno (segatura, corteccia, cippato, materiale legnoso di varie pezzature ed umidità)
  • scarti di Lavorazioni Agricole e Potature Urbane (gambi di mais, potature varie, ecc..)
  • scarti dell’Industria Alimentare (bucce di pomodoro, sansa d’oliva, residui derivanti dalla produzione di succhi di frutta, trebbia di birrerie, scarti dati dalla produzione di olio di semi o dalla lavorazione della crusca, ecc..)
  • Coltivazioni dedicate Arboree ed Erbacee (Short-Middle Rotation)
  • cobustibili da rifiuto

Dopo uno studio ed un’appropriata caratterizzazione del combustibile, in funzione della richiesta energetica del cliente, viene progettato e dimensionato l’impianto in modo da garantire la massima efficienza dell’impianto e da dare i risultati attesi.

Stampa la Pagina